Giovedì, Aprile 18, 2024

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono dei piccoli file di testo che, trasferiti sull’hard disk del computer dei visitatori, consentono di conoscere la frequenza delle visite e quali pagine del sito vengono visitate dai netizen. Si tratta di dati che non permettono di procedere all’individuazione dell’utente (ma la sola provenienza dell’azienda), non incrociamo le informazioni raccolte attraverso i cookies con altre informazioni personali. La maggior parte dei browser può essere impostata con modalità tali da informarla nel caso in cui un cookie vi è stato inviato con la possibilità, da parte sua, di procedere alla sua disabilitazione. La disabilitazione del cookies, tuttavia, può in taluni casi non consentire l’uso del sito oppure dare problemi di visualizzazione del sito o delimitare le funzionalità del medesimo sito, pur se limitatamente ad aree o funzioni del portale.

La disabilitazione dei cookies consentirà, in ogni caso, di accedere alla home page del nostro Sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento permanente degli utenti. L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del Sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati sul Sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Coloro che intendono avvalersi della sezione riservata del sito prestino attenzione alla specifica informativa anche relativamente all’uso dei cookies.

Articoli storici

Nicola Perrotti, Il problema psicologico del matrimonio, 1949

Segnaliamo un articolo storico di Nicola Perrotti: "Il problema psicologico del matrimonio" del 1949 (In Problemi di psicoanalisi, ed. Peloritana Messina, 1972), con una nota introduttiva di Adriana D’Arezzo

È molto frequente che persone vicine a contrarre matrimonio o vincoli equivalenti attuali facciano richiesta di consultazione psicologica o analitica e che le tematiche inerenti quest’area costituiscano il fulcro di interi trattamenti psicoanalitici.

Questo lavoro di Nicola Perrotti, scritto nel 1949, nonostante l’indubbia distanza dal nostro contesto sociale e culturale, ci sembra interessante proprio per certe peculiarità che sembrano resistere invariate nel tempo.

Nel cuore di questo lavoro Perrotti sostiene che “…soltanto nel matrimonio si raggiunge l’unificazione del destino personale dei due coniugi. È questa unificazione di destino che può inglobare tutte le tendenze personali e sociali e che, mentre favorisce la sicurezza interiore e psicologica individuale di ognuno dei coniugi, d’altronde permette che si formi l’unità di destino della prole e della famiglia che si va creando.”

Elaborazioni incomplete di processi di separazione dal nucleo familiare originario e/o sviluppi deficitari del sé, incongruenze tra i progetti inconsci soggettivi e familiari, difficili raccordi transgenerazionali, trovano in queste circostanze occasione per emergere e per tentare una migliore risoluzione in contesti affettivi differenti. Non sfugge, quindi, l’opportunità trasformativa rappresentata dalle crisi che insorgono in queste circostanze.

 

LEGGI L'ARTICOLO

София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Login