Mercoledì, Luglio 24, 2024

7 uomini a mollo. Note di Roberta Leone

Anno: 2018

Regista: Gilles Lellouche

Sceneggiatura: Gilles Lellouche insieme a Julien Lambroschini e Ahmed Hamidi

Genere: film tragicommedia/sportivo

Durata: 2 ore e 2 minuti

 

Diretto da Gilles Lellouche, prodotto in Francia nel 2018, della durata di 2h, 7 uomini a mollo, titolo originale Le grand bain, è un film visibile sulle piattaforme streaming a pagamento, l’esiguo costo vale la pena eccome, già il titolo lascia il sorriso sul volto, magari dopo averlo visto, all’inizio incuriosisce. Un film di rara, leggera e autentica ironia. La visione ricorda Little Miss Sunshine o Full Monty.

Un gruppo di uomini sconosciuti fra loro si riuniscono inaspettatamente coinvolti da una ex campionessa di sport acquatici (al momento della storia loro insegnante) nello scoprire una disciplina poco conosciuta: il nuoto sincronizzato maschile, peraltro appena inserita fra gli sport olimpionici, dal 2024.

Il gruppo è ben assortito, questi uomini hanno qualcosa in comune, la malinconia. Fuori dai loro incontri di gruppo sono uomini a stretto contatto con le proprie angosce e i propri sogni infranti. Solitudine, disperazione, nebbia di pensieri e malumore svaniscono quando insieme devono impegnarsi per un compito che il gruppo deve portare avanti, per una dignità sportiva che il coach deve riguadagnarsi, in sottofondo amicizie da risanare, all’orizzonte amicizie nascenti. La speranza nasce come un fiore sull’asfalto o una pianta che si erge sicura su una fitta distesa di cenere lavica. La musica azzeccata accompagna le scene, la scoperta di alternative ad una visione monoculare delle situazioni cui talvolta si giunge se sopraffatti dal malessere psichico, nuove chances si colgono in scena. Inoltre esilaranti sono i colpi di scena da provocare risata genuina e improvvisa alla Frank Oz (In e Out – Funeral Party).

7 uomini a mollo è un film energico, solare ma anche dai toni severamente spenti, così realistico quanto fantastico. Il confine tra realtà e fantasia, tema che ritroviamo in alcuni percorsi di analisi, è messo in scena concretamente ricordando la preziosità del mondo delle fantasie che può garantire la tenacia necessaria per perseguire un ideale, un sogno che renda la vita ‘sensata’.

La visione lascia un sorriso sul volto, genuino, che riscalda.

Abbracci ad una nuova alba. Bellissimo: pochi i film che catturano così, con serietà e semplicità.

София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Login