Venerdì, Giugno 21, 2024

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono dei piccoli file di testo che, trasferiti sull’hard disk del computer dei visitatori, consentono di conoscere la frequenza delle visite e quali pagine del sito vengono visitate dai netizen. Si tratta di dati che non permettono di procedere all’individuazione dell’utente (ma la sola provenienza dell’azienda), non incrociamo le informazioni raccolte attraverso i cookies con altre informazioni personali. La maggior parte dei browser può essere impostata con modalità tali da informarla nel caso in cui un cookie vi è stato inviato con la possibilità, da parte sua, di procedere alla sua disabilitazione. La disabilitazione del cookies, tuttavia, può in taluni casi non consentire l’uso del sito oppure dare problemi di visualizzazione del sito o delimitare le funzionalità del medesimo sito, pur se limitatamente ad aree o funzioni del portale.

La disabilitazione dei cookies consentirà, in ogni caso, di accedere alla home page del nostro Sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento permanente degli utenti. L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del Sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati sul Sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Coloro che intendono avvalersi della sezione riservata del sito prestino attenzione alla specifica informativa anche relativamente all’uso dei cookies.

L' Angolo Custode

Tessiture

 

Guido Berdini

Nessun uomo è un'asola, dove si possano infilare senza conseguenze bottoni, botti e traumi delle vite che lo hanno preceduto.  A volte siamo immersi in   una trance-generazionale, dove le cose trascolorano tra quadri- tris- bis-avoli, nonni e così via, e gli ultimi nati si portano appresso uno strascico di scuciture e spacchi per ogni singolo attimo 

fu-gente della loro esistenza.  Io dico però che bisogna reagire e riprendere in mano il filo del dì scorso, del nostro passato. Piantiamola di piangerci addosso per quello che ci ha passato il passato: non avvolgiamoci in una tela di lagno!

Non ritiriamoci   di fronte alla radicalità del quesito fondamentale: Tessere o non Tessere?

Qualcuno, abituato dal pensiero dominante a elogiare le magnifiche sorti e progressive del tessuto produttivo, potrebbe minimizzare la difficoltà del compito, ricordando che il sole è sarto anche questa mattina, e che quindi non vale la pena di preoccuparsi.  Ma io rispondo che non basta, visto che per di più avremmo disperato bisogno di persone, e tipografi, di carattere, e invece ci troviamo di fronte a uomini non di polso ma di polsino, che barattano l’etica con l’etichetta. Gente folgorata sulla via del damasco, che cerca nel guardaroba qualcosa che la protegga dall’ imminente frac esistenziale e incede sul bordo del baratro ignara dello Sparato dolente che porta sul petto!  Gente che passa il suo tempo a imbastire trame, che al massimo tesse le lodi del potente e si nutre di pane girico. Gente sospinta da Stinti tiepidi, che non riesce ad ascoltare il ricamo della foresta: a loro vorrei ricordare che la vita è lotta e la rivoluzione non è un pranzo di martingala!  

Forse un giorno ognuno riuscirà a prender l’altro per l’umano e ad allacciare un elegante doppio patto, per attraversare assieme il canale della Manica e non essere dei manichini a mani chine di fronte al Potere. Siatene certi, dopo ci sentiremmo euforici, come il pittore di grido le cui opere vanno a gonfie tele.

Ma per ora, so bene che la realtà non è consolante.  Tante persone prive di immaginazione, affette da artrosi all’Anche, si chiudono nelle rocche, nei loro Fort (Da?), con gli spalti protetti da merletti. Amano fare il bagno nelle acque dell’ago della bilancia. Sul canovaccio della loro esistenza campeggia il motto:” Frangia o Spagna purché se magna!”.  L’unica loro bussola è quella del Grand Hotel.

Ci sono donne che, non riuscendo a essere une, cercano di essere trine, e chiffon. Ci sono contesse, sull'orlo di una crisi di servi, che fuggono impaurite dal perturbante di turno per mancanza di Domestici.

Io ripartirei invece dai nostri bisogni primari, e potrei dire che spesso abbiamo sete, ma non sappiamo come tesserle, e siamo presi dalla tentazione di filar via.

Io dico invece di filare la nostra via, imbarcandoci di filato sulle navette che vanno e vengono tra trama e ordito. Sarei lieto di contribuire, essere uno scienziato che elabora eleganti cartamodelli teorici ed è autore di coperte fondamentali per il benessere (e il comfort) dell’umanità.  Vorrei godere, come i più fortunatamente euristici fra noi, di un salutare spirito seren(e)dipico; confesso che non mi dispiacerebbe rivolgermi a mio padre tessendone le lodi con un bel: “Te Laio!”  a mano, a mano (perché si deve pur procedere con gradualità). 

In conclusione, auspicherei l’intervento di una Rammentatrice pronta a riparare gli strappi, i Buchi Veri del passato, con un’umile opera di ago e filo (antropia). Ci aiuti lei a lanciare un orlo che arrivi dappertutto! 

София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Login