Domenica, Febbraio 17, 2019
  • Informazioni sul Centro

    Il Centro di Psicoanalisi Romano è una sezione della Società Psicoanalitica Italiana (SPI) che fa parte dell’International Psychoanalytic Association (IPA) fondata da Sigmund Freud. E’ un’istituzione che nasce a Roma nei primi anni ‘50, per promuovere la psicoanalisi, sia come ricerca delle modalità di funzionamento della mente, sia come cura del disagio e dei disturbi psichici...
    Leggi ora
  • Centro Consultazione Adulti

    All'interno del Centro di Psicoanalisi Romano è in funzione da molti anni un Servizio di Consultazione condotto da psicoanalisti, attivi nella ricerca scientifica e membri della Società Psicoanalitica Italiana (SPI)...
    Leggi ora
  • Centro Clinico Consultazione Bambini e Adolescenti

    Nel Centro di Psicoanalisi Romano è attivo il servizio di consultazione per bambini e adolescenti in naturale continuità e collaborazione con il servizio di consultazione adulti....
    Leggi ora
  • "Buona la prima"

    Alcune sequenze di film tratte dal cinema offrono spunti per immagini, pensieri, emozioni che possono caratterizzare i primi significativi incontri nelle relazioni di aiuto e di cura...
    Leggi ora

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna (non più GNAM) a cura di Stefania Salvadori

Entriamo senza barriere nell'ampio salone d'ingresso arredato con il grande tappeto e i divani originari, dipinte di bianco le boiseries e le pareti, aperte le tende per far entrare aria e luce e per sfondare lo sguardo verso i cortili e lo spazio esterno.

La nuova direzione di Cristiana Collu sconvolge la Galleria d'Arte Moderna a cui eravamo abituati con la rassicurante e didattica esposizione cronologica. In particolare è smontato il criterio che esponeva le collezioni dell'800 e del 900, disorientando il bisogno di un ordine razionale da seguire.

Molte le opere messe nei depositi, per dare lo spazio necessario a ogni quadro o scultura, e alcune, fotografie e disegni, esposte per la prima volta, nella prospettiva di una mobilità annuale e circolazione continua.

Tutti i lavori sono mescolati, e collocati piuttosto per tema, o assonanze, o originalità, dove l'accostamento di un quadro dell'800 con uno del '900 o contemporaneo fa percepire un collegamento mai scoperto, esaltando le qualità di entrambi.

Il risultato è sorprendente e a volte fulminante, come nel grande salone a pian terreno dove un tempo erano esposte, su fondo blu scuro, allineate specularmente, le statue dell'800. Oggi, separate dai loro piedistalli, le statue, avvicinabili e ben riconoscibili, sono distribuite nelle varie sale di fronte a quadri specifici, quasi per dare un titolo o introdurre una riflessione.

Ora entrare nel salone quasi toglie il fiato per il rapimento: l'intera parete di fondo occupata dall'incredibile lavoro di Giuseppe Penone Spoglia d'oro su spine d'acacia-bocca (2002), reso misterioso dalla tesissima, candida e violenta statua di Ercole e Lica di Canova poco più avanti; entrambi si riflettono nel Mare di Pino Pascali (s)composto sul pavimento. Una condensazione imprevista e davvero esplosiva.

Alle pareti solo 2 Twombly sulla destra, alle spalle un blu di Yves Klein, sulla sinistra Castellani e Mondrian. Poche opere scelte, di pacata, classica, intensa perfezione.

Sembra esserci una concezione profondamente diversa di come si può avvicinare e anche imparare ad amare l'arte. L'esperienza estetica non è più affidata a una collocazione storica delle singole opere in movimenti e gruppi di appartenenza, anzi si libera proprio con il sovvertimento del nesso temporale.

Stefania Salvadori

София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Login